Quando impareremo ad osservare senza emettere sentenze